L’India intende dotarsi di missili nucleari navali

Ottobre 2007

Indiscrezioni da ambienti della difesa indiana riportano che Nuova Delhi sta progettando, con l’assistenza israeliana, un missile da crociera a testata nucleare e – forse – un missile balistico anch’esso a testata nucleare – destinati ai propri sottomarini. L’India sta acquisendo due sottomarini nucleari di produzione russa e ne sta costruendo un altro di propria progettazione, denominato ATV (Advanced Technology Vessel).
I missili cruise nucleari potrebbero armare qualsiasi sottomarino mentre il missile balistico, che sarebbe stato denominato Sagarika, è progettato per l’ATV.

John

Annunci

USAF: l’incidente delle testate nucleari

10 settembre 2007

Il 30 agosto 2007 un B-52 ha trasportato dalla base aerea di Minot a quella di Barksdale sei missili ACM agganciati sotto le proprie ali.

Sembra che sui sei missili, per un errore, fossero montate le rispettive testate nucleari.

Se confermato, sarebbe la prima volta, dal 1968, che un bombardiere americano va in volo con testate nucleari reali (questi voli erano stati sospesi dopo una serie di incidenti aerei che avevano interessato velivoli con armi nucleari).

Provvedimenti disciplinari hanno colpito il comandante del 5th Munitions Squadron di Minot e uno specialista addetto al controllo: entrambi sono stati rimossi dai rispettivi incarichi.

Non è chiara la catena di errori che ha portato a un simile evento, considerato che gli USA si servono di due sofisticati programmi di controllo (DIAMONDS e NUMIS) per monitorare ogni singola testata nucleare dell’arsenale americano.

Nè è chiaro se l’aereo avrebbe dovuto imbarcare sei missili nucleari privi di testata, o sei missili convenzionali molto simili a quelli nucleari (questi ultimi hanno un peso differente e dei segni distintivi in colore rosso).

John

Corea del Nord: rinuncia al nucleare se gli USA ritirano sanzioni

19 marzo 2007

Secondo una fonte ufficiale anonima, la Corea del Nord ha proposto agli USA un accordo in base al quale rinuncerebbe al proprio programma nucleare, in cambio della cessazione delle sanzioni e dell’embargo imposti dagli Stati Uniti.

John