Il Congresso blocca 20 miliardi di dollari di forniture militari al Medio Oriente

Dicembre 2007

 

Il Congresso americano ha bloccato un programma per la vendita di armamenti a sei paesi del Medio- Oriente, per un valore di circa 20 miliardi di dollari. I paesi interessati sono Arabia, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar, Bahrain e Oman.

Il pacchetto prevedeva, tra le altre cose:

  • 288 missili Patriot PAC3 e l’aggiornamento dei sistemi PAC2 per gli Emirati Arabi Uniti;

  • 80 missili Patriot PAC3 e l’aggiornamento dei sistemi PAC2 per il Kuwait;

  • L’aggiornamento degli aerei radar E-2C per gli Emirati Arabi Uniti;

  • La vendita di bombe intelligenti JDAM all’Arabia Saudita.

Il Dipartimento di Stato ha deciso di dividere il programma in varie forniture più piccole, nella speranza di riuscire così a ottenere più facilmente l’autorizzazione del Congresso.

John

Annunci

ITALIA MENO EUROFIGHTERS ?

Roma 14 Ago 2007

In una intervista ad un giornale tedesco il Ministro della Difesa ha indicato che si stà esaminando l’ipotesi di rinunciare ai 46 Eurofighter previsti dopo il 2012.

Il motivo è finanziario dato che per l’aquisizione è stato fissato un determinato finanziamento il cui ammontare è rimasto invariato mentre il costo unitario è aumentato.

Il problema dovrebbe essere discusso da tutti i Soci del Consorzio Eurofighter visto che anche l’Inghilterra avrebbe gli stessi problemi dell’Italia,ma secondo il portavoce del Consorzio tutto dipende da come si vogliono equipaggiare gli aerei e il numero totale dei velivoli costruiti non dovrebbe diminuire e inoltre i contatti per fissare i prezzi dell’ultima tranche non sono nemmeno iniziati in quanto sarebbe prematuro.

Bilancio difesa USA 2008

febbraio 2007

Bush ha chiesto 645,6 miliardi di dollari per le spese militari per l’anno 2008, di cui 141,7 destinati alle spese di guerra e 22,5 destinati allo sviluppo di nuove armi nucleari.
Per confronto, nel 2000 il bilancio della difesa era di 304,1 miliardi di dollari, di cui 8,6 destinati alle spese di guerra.
Dall’esame della proposta di bilancio, si rilevano elementi interessanti.
Nel settore della difesa antimissile, il programma KEI viene ridimensionato, quello per un’aeronave dirigibile è cancellato, mentre l’ABL viene ritardato di alcuni mesi allo scopo di prolungare la fase di valutazione.
L’USArmy sfoltisce il programma FCS eliminando alcuni componenti secondari e pianifica di aumentare gli organici di 65.000 unità entro il 2012.
La Navy procede con i suoi programmi di costruzione navale, e chiede il finanziamento di una portaerei, un SSN, 3 LCS.
Sempre la Navy rallenta il ritmo previsto di acquisizione per gli F-35 fra il 2008 ed 2011, mentre aumenta quello per i Super Hornet.
Nessuna sorpresa, invece, dai programmi USAF.

Scarica il prospetto del bilancio: Bilancio Difesa USA FY2008 (Richieste)

John

Le spese militari nel mondo

(settembre 2006)

Un recente rapporto, basato su dati CIA e SIPRI e pubblicato su una testata professionale, fa una classifica dei Paesi con le più alte spese militari:

1 USA: 518 miliardi $
2 Cina: 81,47 miliardi $
3 Francia: 45 miliardi $
4 Giappone: 44,31 miliardi $
5 Inghilterra: 42,84 miliardi $
6 Germania: 35,06 miliardi $
7 Italia: 28,18 miliardi $
8 Corea del Sud: 21,05 miliardi $
9 Russia: 21 miliardi $
10 India: 19,04 miliardi $
11 Arabia Saudita: 18 miliardi $
12 Australia: 17,84 miliardi $
13 Turchia: 12,16 miliardi $

Seguono, nella fascia tra i 9 e i 10 miliardi di dollari, in ordine decrescente: Brasile, Spagna, Canada, Israele, Olanda
Nella fascia fra i 6 e gli 8 miliardi di dollari ci sono Taiwan e il Messico
Nella fascia tra i 4 e i 5,99 miliardi di dollari troviamo Grecia, Svezia, Corea del Nord, Singapore e Argentina.

John