Programma RIEDAR: il Pentagono studia contromisure agli IED

Aprile 2007

Il Pentagono ha in corso un programma, gestito dalla DARPA e denominato RIEDAR, che si propone di contrastare gli ordigni esplosivi improvvisati (IED) responsabili della maggior parte delle perdite umane subite dalle forze americane in Iraq e in Afghanistan.

Scopo principale del programma è quello di mettere a punto sistemi e sensori che siano in grado di individuare gli ordigni a 400 metri di distanza viaggiando a 60 miglia orarie (poco meno di 100 km/h).

Tra i sensori allo studio c’è un laser in grado di eseguire una “spettroscopia indotta” sugli oggetti e di rilevare così la presenza di ordigni esplosivi.

John

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: